Centralino (0828) 354 645     |     Orari

Acqua Fitness

Sport, Benessere & Divertimento: è Acquafitness!

 La prima ed ancora la più praticata è l’acquagym ma, oggi, le attività fisiche da svolgere in acqua sono innumerevoli. Si parte dall’acquabike, passando attraverso l’acquabox per approdare all’acquastep; solo per citarne alcune.Le peculiarità dell’acqua come ambiente di allenamento sono molteplici: innanzitutto è un ottimo elemento in cui praticare attività fisica perché riduce le pressioni articolari. Per questo è indicata sia per evitare tensioni sulle articolazioni di persone libere da qualsiasi patologia, che per ripristinare la corretta funzionalità articolare in soggetti che hanno bisogno di terapie riabilitative a seguito d’infortunio. L’allenamento in acqua è molto indicato, inoltre, in caso di soggetti in soprappeso o in età avanzata.  

Richiedi gli orari o una prova gratuita


Sì     No

Ho letto e accetto la politica di Privacy Policy*



*I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

PIANI DI AZIONE PER L’ACQUA FITNESS

 

L’elemento acquatico è in grado di ridurre tutti i tipi di tensioni articolari senza però vanificare il lavoro fisico. Anzi, l’allenamento in un fluido risulta più forte rispetto a quello sulla terra ferma, poiché la densità dell’acqua è maggiore di quella dell’aria. Dunque i movimenti effettuati con il corpo immerso nell’acqua, sono più lenti e l’acqua si propone come un attrezzo di allenamento paragonabile a manubri e bilanciere.In sintesi, allenarsi in acqua è meno pericoloso sotto il profilo articolare ma molto più faticoso sotto quello muscolare e va ricordato che il fitness in acqua è adatto a tutti, compresi i bambini, le persone anziane, le donne in gravidanza. Per le donne, la caratteristica dell’acqua di stimolare la micro-circolazione cutanea produce innumerevoli vantaggi estetici nella riduzione della cellulite e dell’effetto buccia d’arancia sulla pelle. Per gli anziani e le donne incinte, la pratica in acqua è positiva perché la forza di gravità è quasi nulla. 

 

Allenati nella palestra acquatica!!!

Ecco alcuni esempi delle nostre attività di fitness acquatico Acquabike o Hydrobike.

Si tratta di un’attività consolidata, ma sempre in voga, che si esegue su speciali bici acquatiche immerse in piscina. La cosa importante in questo sport è che gran parte del corpo deve essere immerso in piscina, dunque non solo le gambe ma anche il busto. Ciò per ottenere un duplice effetto: evitare che la parte superiore si raffreddi e nello stesso tempo aiutare ad allenare anche la muscolatura del busto (braccia, dorso e spalle). La musica rappresenta un elemento fondamentale della lezione. Per le sue caratteristiche a basso impatto articolare, l’attività sulla bici acquatica è particolarmente indicata in caso di riabilitazione. Acquakickboxing. La pratica del kickboxing in acqua richiede una attrezzatura simile a quella usata all’asciutto. Anche i movimenti sono simili, eccetto il fatto che sono rallentati e pesanti a causa della maggiore resistenza offerta dall’elemento acquatico. Il lavoro di calci e pugni in acqua è più pesante dal punto di vista muscolare ma meno intenso dal punto di vista dinamico. Acquastep. Lo step, modificato con delle piccole ventose sulla base che consentono di mantenerlo fissato sul fondo della piscina, si rinnova nella pratica in acqua. I ‘sali e scendi’ dalla pedana rassodano e tonificano soprattutto cosce e glutei mentre il movimento sincrono delle braccia per mantenere l’equilibrio, aiuta a tonificare anche la parte superiore del corpo, addominali compresi. Acquarap.  È un tipo di attività acquatica eseguita con l’ausilio di elastici. Gli stessi si possono mettere sia sulle caviglie per allenare le gambe che sui polsi per tonificare le braccia e tutti i muscoli del busto. La particolarità di questa attività è che sfrutta il principio dell’allenamento isometrico, mantenere la posizione statica per un tempo prefissato (2-4 minuti), ripetendo la posizione statica anche più volte (al fine di eseguire più serie allenanti). Questo tipo di esercizio, oltre che per rassodare e aumentare la forza muscolare, è molto adatto anche per riabilitare gli arti dopo un infortunio poiché il carico articolare è in pratica nullo. Acquatraining. Questo tipo di allenamento è eseguito in galleggiamento in una piscina senza toccare il fondo. Come aiuto per mantenersi a galla, si usano delle speciali cinture. I movimenti eseguiti vanno dalla camminata alla pedalata. Il ritmo di lavoro viene continuamente variato per consentire di “spalmare” lo sforzo sull’intera lezione. Ogni tanto, il lavoro in galleggiamento è interrotto per fare posto a esercizi statici, da praticare attaccati al bordo della piscina. Hydro-Gag. È un’attività a circuito eseguita in acqua. I partecipanti alla lezione cambiano postazione di lavoro ogni 10-15 minuti. Ci si alterna sulle stazioni di lavoro al fine di creare una lezione efficace sotto il profilo dell’allenamento e coinvolgente sotto quello della motivazione. I circuiti di lavoro sono 3: hydrorunner, hydrorecile ed esercizi specifici per la zona addominale.